Cornacchini: “Il Bari non può nascondersi, squadra costruita per vincere”

Il Bari domani sera disputerà la prima partita ufficiale della stagione. Contro la Paganese alle 20,30 allo stadio San Nicola in programma il primo turno della Coppa Italia di Serie C.

Mister Cornacchini, che in mattinata ha tenuto la classica conferenza stampa prepartita, ha convocato 24 giocatori:

PORTIERI: 1. FRATTALI, 12. LISO, 22. MARFELLA

DIFENSORI: 3. PERROTTA, 4. COSTA, 5. ESPOSITO, 6. DI CESARE, 13. SABBIONE, 24. CASCIONE, 26. BERRA

CENTROCAMPISTI: 8. HAMLILI, 14. BOLZONI, 20. FOLORUNSHO, 21. FEOLA, 23. SCHIAVONE, 29. SCAVONE

ATTACCANTI: 7. ANTENUCCI, 9. SIMERI, 10. FLORIANO, 11. NEGLIA, 17. D’URSI, 18. KUPISZ, 19. FERRARI, 27. TERRANI

In conferenza stampa, la prima stagionale del tecnico al San Nicola, Cornacchini ha parlato dei temi legati alla partita ma non solo. Ecco alcuni passaggi:

“La condizione in generale non può essere al top, ma è normale che sia così. Si cercherà di fare bene per capire quali sono le soluzioni migliori. La Coppa Italia serve soprattutto per questo motivo”. (video)

“Le difficoltà ci sono, forse quest’anno un pochino di più, con squadre molto competitive. La nostra è sicuramente forte. Sarà impegnativo ma stimolante. Qui non ci si può nascondere assolutamente, la squadra è stata fatta per un obiettivo che è quello di riuscire a vincere. Non so se ce la faremo o meno ma siamo attrezzati per fare questo”. (video)

“Schiavone rispetto agli altri è un po’ più indietro nella preparazione, come Floriano e Ferrari”. (video)

“In questa partita probabilmente giocherà Scavone insieme ad Hamlili in mezzo al campo”. (video)

“Tutti i giocatori hanno qualità importanti. Chi mi ha impressionato positivamente è Antenucci, non solo per le qualità tecniche. Una professionalità incredibile”. (video)

“Se mi aspetto altri colpi di mercato? Assolutamente no, ma se arriva…”. (video)

“Il fatto che una parte della tifoseria non mi avrebbe riconfermato? No, non mi ha deluso, chi fa questo mestiere è sempre sotto le critiche di tutti. Non sono deluso, anzi mi dà una motivazione enorme e mi fa anche sorridere. E’ uno stimolo a fare bene e mi tiene sull’attenti”. (video)