Battuta anche la Turris, il Bari vola a +6

Il Bari di mister Mignani vince ancora e, dopo il Monopoli, lo fa contro un’altra squadra d’alta classifica, la Turris. Al San Nicola finisce 4-2 al termine di una partita intensa e ricca di emozioni. Questa la sequenza dei gol: Giannone 8’, Cheddira 21’, Leonetti 36’, D’Errico 46’, Scavone 57’, Terranova 83’. I biancorossi consolidano così il primato in classifica a quota 20, con 6 punti di vantaggio sul Catanzaro, al momento prima inseguitrice.

“Che fosse una partita difficile lo sapevamo – ha commentato mister Mignani nel dopo gara – perché probabilmente tra le squadra che abbiamo incontrato fino ad oggi è quella che ha più palleggio, che toglie più punti di riferimento. Secondo me abbiamo fatto anche un buon primo tempo, dove abbiamo costruito senza magari concretizzare e loro invece hanno concretizzato quasi tutto quello che hanno creato. Però sapevamo che lì erano bravi e dovevamo avere un pochino più di pazienza e meno ansia nel pensare di riconquistare la palla alta, cosa che noi siamo abituati spesso a fare. Quindi abbiamo concesso due o tre situazioni in cui sono stati bravissimi a farci male. Poi però la squadra ha avuto la reazione giusta. Il segnale del gol all’inizio del secondo tempo con un centrocampista che arriva ad accompagnare l’azione vuol dire che credevamo di poterla riprendere e poi abbiamo fatto bene. Dobbiamo crescere sotto certi aspetti, perché la gestione della palla in momenti in cui non si può andare verso la porta degli altri bisogna migliorarla. Dobbiamo capire queste situazioni. Però i ragazzi sono stati molto molto bravi. Quando noi prepariamo le partite cerchiamo di capire dove gli altri ci possono fra male e dove noi possiamo fare male. Sapevamo che ci avrebbero concesso spazi e che dovevamo provare a sfruttare questi spazi al momento giusto. In questo dobbiamo migliorare tanto, capire quando c’è questa possibilità e capire quando è il momento di tenere palla. Mi fa piacere che la gente apprezzi e che i ragazzi siano contenti, ma noi dobbiamo azzerare tutto da martedì e buttarci anima e corpo nella prossima partita”.